Primaria

La scelta di una metodologia piuttosto di un’altra qualifica la professionalità del docente, il suo stile e il suo modo di operare, sostenendo e guidando lo sviluppo e l’apprendimento di ciascun alunno.

La nostra scuola è attenta a curare la formazione integrale del bambino, accompagnandolo nella sua crescita come persona. Don Bosco raccomandava che i suoi ragazzi fossero “buoni cristiani e onesti cittadini”. Non solo nozioni, dunque, ma anche tante esperienze e spunti di riflessione.

Quella che la nostra scuola mette in atto è una reale “pedagogia d’ambiente”, con uno stile-famiglia tipicamente salesiano, dove tutto converge nella collaborazione reciproca per lo sviluppo della persona.

“BUONGIORNO”

Crediamo molto nell’accoglienza dei nostri bambini: è bello vederli arrivare a scuola sentendosi comunque un po’ a casa. La nostra giornata inizia sempre con il “Buongiorno”: un momento formativo tenuto in ogni classe dalla propria insegnante oppure, periodicamente e a classi riunite, dalla direttrice della scuola. Sono tanti gli spunti di argomento per le nostre riflessioni: si può partire dall’osservazione dei bisogni di un singolo, o delle dinamiche di gruppo; oppure da un fatto di cronaca, o da una lettura edificante appositamente selezionata; più spesso facendo riferimento al progetto educativo annuale. Anche il momento del “Buongiorno” contribuisce a sviluppare il pensiero critico, a stimolare sentimenti di empatia, a consolidare le “buone pratiche”. Nei periodi di Avvento e Quaresima, il “Buongiorno” diventa particolarmente occasione di riflessione spirituale e preghiera.

DIDATTICA INCLUSIVA

Da noi tutti sono importanti. Inclusione significa valorizzazione delle diversità attraverso un apprendimento centrato sulla persona, ovvero lo sviluppo dei punti di forza e delle potenzialità di ciascuno attraverso l’individualizzazione e la personalizzazione della didattica.

“SETTIMANA SIAMO TUTTI…FUORICLASSE!”

Nella nostra scuola, la settimana che precede il Carnevale è qualcosa di veramente speciale! Zaini…a casa. Materie scolastiche tradizionali…mettiamole in pausa. È il momento delle esperienze! Laboratori di ogni genere si sono avvicendati nel corso degli anni: dal traforo alla pizza, dal cartonnage al reportage, dall’orto in classe al circuito elettrico, dagli spettacoli teatrali in italiano a quelli in inglese, ecc…Tanti anche gli esperti esterni che si sono prestati ad essere “maestri per un giorno”, presentando e facendo sperimentare la propria professione o la propria passione. Ogni anno una novità, anche nelle modalità di svolgimento: a volte sono stati mantenuti i gruppi classe; a volte, come nei college americani, gruppi a classi aperte per cui ogni alunno si spostava in base ai corsi prescelti. Con questi laboratori tutti danno il meglio perché, diciamolo, sono divertenti! E perché ciascuno si sente valorizzato, andando a stimolare quelle “intelligenze multiple” non sempre coinvolte nelle discipline tradizionali.

LE FESTE

In una scuola salesiana le feste non sono un accessorio, ma sono quanto mai un tassello fondamentale dell’esperienza formativa. Del resto, Don Bosco stesso diceva che “la santità consiste nello stare molto allegri”.

• Festa dell’Accoglienza. Condivisa con tutti gli ordini scolastici presenti nel nostro Istituto, si tiene agli inizi di ottobre. Una mattinata spensierata con giochi a squadre e con i più tradizionali giochi agli stand e per finire, pranzo insieme con le salamelle cucinate…da alcuni papà. Un modo perché tutti “i nuovi” (che siano primini, o inserimenti in altri classi, in ogni ordine scolastico), con le loro famiglie, si sentano davvero accolti come in una grande Comunità Educante. Perché sul nostro cancello di entrata non c’è scritto “Scuola Maria Ausiliatrice”, ma c’è scritto “Casa Maria Ausiliatrice”.

• Festa di Natale. Senz’altro la festa più sentita dai bambini della scuola Primaria e dalle loro famiglie. Lo spirito del Natale è contagioso e cresce a poco a poco, grazie anche al percorso educativo in preparazione che viene sviluppato durante tutto il cammino di Avvento. La nostra tradizione vuole che ogni anno, agli inizi di dicembre, siano i bambini delle classi quinte con i loro genitori ad allestire il Presepe e il grande albero di Natale nell’atrio. L’appuntamento più atteso, tuttavia, è ovviamente la “Festa degli Auguri”, durante la quale tutti gli alunni della scuola si esibiscono, a seconda delle scelte di anno in anno approvate dal collegio docenti, in una sacra rappresentazione/recita, oppure in un concerto di canti e musiche natalizie con coreografie, davanti a familiari commossi e amici.

Festa di don Bosco. Condivisa con tutti gli ordini scolastici presenti nel nostro Istituto, è una festa che ci è particolarmente cara, perché ci riporta alle origini del carisma e dello stile educativo e pedagogico salesiano. Tutto inizia con la celebrazione della Santa Messa e, a seguire, la tradizionale merenda con “pane e salame” e il grande gioco itinerante di Istituto, che vede cimentarsi squadre miste tra i diversi ordini scolastici.

• Festa del Grazie. Che spettacolo, ragazzi! I bambini della Primaria Maria Ausiliatrice, ogni anno, ringraziano i loro insegnanti, gli educatori e le suore offrendo loro e alle proprie famiglie una rappresentazione teatrale “di alto livello”, frutto dell’impegno e della dedizione profusi in mesi di prove per affinare la recitazione, le coreografie e i canti. La parte principale è affidata alle classi quinte, che salutano ufficialmente la scuola Primaria, al termine di un lungo percorso scolastico che li ha visti crescere dalla prima infanzia fino all’adolescenza. Lacrime di commozione e riconoscenza sempre garantite!

• Festa di Maria Ausiliatrice. Che dire? È la “festa patronale” dell’Istituto! Nella giornata del 24 maggio sono ormai tradizionali le “Olimpiadi Mariane”: una mattinata di giochi sportivi e gare di atletica, svolte con sana competizione. Ognuno dà il massimo per ottenere un posto personale sul podio nelle discipline Lancio del Vortex, Salto in lungo (o Salto in alto), Velocità e infine nella gara regina: la Corsa campestre! Non solo: i risultati di ogni categoria (maschile e femminile, classe per classe) per ciascuna gara forniscono il punteggio con il quale viene assegnata l’annuale “Coppa delle sezioni”! Vincerà la A o la B? In serata, il momento solenne della Festa di Maria Ausiliatrice è la celebrazione della santa messa, particolarmente speciale per i bambini delle classi quarte che sono invitati a ricevere, proprio in quest’occasione, la loro Seconda Comunione.

PRIMARIA – LA NOSTRA STORIA

Le tappe fondamentali della nostra scuola Primaria:

  • 1981: Viene aperta a Varese-Casbeno la Scuola Elementare Cattolica Salesiana Autorizzata come risposta alle esigenze dei Genitori dei bambini che frequentavano la già esistente scuola materna e chiedevano una continuità didattico-educativa.
  • 1998: La Scuola Elementare viene Parificata.
  • 2001: La Scuola Elementare ottiene la Parità.
  • 2008: L’Istituto ottiene la Certificazione di Qualità (ISO 9001 -2000), nell’Aprile 2008, dall’Ente Certificatore Llyod’s Register.
  • 2011: L’Istituto ottiene il rinnovo della Certificazione di Qualità (ISO 9001 – 2008).
  • 2012: L’Istituto ottiene dall’Università di Cambridge la qualifica di Cambridge ESOL Preparation Centre per le certificazioni Young Learners English Test (YLE).

PIANO DI STUDI 2019/2020

DOCENTI CLASSE PRIMA CLASSE SECONDA CLASSE TERZA CLASSE QUARTA CLASSE QUINTA
RELIGIONE* 2 2 2 2 2
INGLESE 2 + 1** 2 + 1** 3 + 1** 3 + 1** 3 + 1**
ITALIANO 7 + 1*** 7 7 7 6
MATEMATICA 5 6 6 6 6
STORIA/GEOGRAFIA 2 3 3 3 3
SCIENZE 1 1 1 1 2
TECNOLOGIA/INFORMATICA 1 1 1 1 1
ARTE/IMMAGINE 2 1 1 1 1
SC. MOTORIE 2 2 2 2 2
MUSICA 2 2 1 1 1
TOTALE 28 28 28 28 28

* Orario obbligatorio definito dalla Circolare Ministeriale

** Ora di conversazione in lingua inglese.

*** Progetto lettura

QUADRO ORARIO SCOLASTICO 2019/20

LUNEDÌ MARTEDÌ MERCOLEDÌ GIOVEDÌ VENERDÌ
8:15 – 15:45 8:15 – 15:45 8:15 – 13:00 8:15 – 15:45 8.15 – 13.00

Il quadro orario si articola in 28 Unità Orarie di insegnamento, distribuite su cinque giorni:

  • Lunedì, Martedì, Giovedì: unità orarie da 60 minuti – rientro pomeridiano obbligatorio.
  • Mercoledì, Venerdì: unità orarie da 55 minuti – rientro pomeridiano facoltativo per attività extracurricolari.

SERVIZI PRESCUOLA, MENSA E DOPOSCUOLA

Accoglienza ed assistenza gratuita alunni dalle ore 7:30.

Tutti i giorni mensa con cucina interna, affidata alla ditta Pellegrini Spa.

Doposcuola fino alle ore 17:45.

La Scuola, per la sua vocazione educativa e per dare una risposta alle richieste del territorio, arricchisce la propria offerta formativa, proponendo la partecipazione facoltativa alle seguenti opportunità educative, in orario extracurricolare:

  • Sportive:
    • Pallavolo (per le classi 4^ e 5^): attività finalizzata ad offrire la conoscenza e le basi tecniche di questo sport di squadra.
    • Ginnastica artistica (per tutte le classi): il progetto, realizzato in collaborazione con il “Centro Studi Sport C.S.I.” di Varese, ha come obiettivo dare ulteriori impulsi alle attività motorie della Scuola offrendo agli allievi/e la possibilità di accostarsi al movimento artistico/pre-acrobatico, nelle diverse tappe per fasce d’età.
    • Gioco Sport (per le classi 1^ e 2^)
    • Gruppo sportivo (dalla classe 3^): attività finalizzate a stimolare l’attività fisica, il coordinamento motorio, le capacità strategiche nel gioco, migliorare le capacità relazionali attraverso la proposta di differenti giochi di squadra.
  • Musicali:
    • Coro (a partire dalla classe 2^): gli alunni partecipano ad un’ora settimanale di prove e contribuiscono ad arricchire le feste o altri momenti della vita scolastica e non solo.
    • Chitarra (a partire dalla classe 3^): i bambini, divisi in gruppi corrispondenti alle diverse capacità raggiunte, partecipano ad un’ora di lezione collettiva settimanale per l’apprendimento delle tecniche di base della chitarra classica e dei primi accordi e ritmi per l’accompagnamento di canzoni.
  • Lingue (per le classi 4^ e 5^): attività finalizzate all’acquisizione di competenze di comunicazione, attraverso lo sviluppo delle capacità di ascolto, di conversazione, di lettura e scrittura di una a scelta tra le seguenti lingue:
    • Inglese
    • Tedesco
    • Spagnolo

A partire dall’A.S. 2019/20 la scuola propone il Camp “SPORTARTING”: dai primi di settembre fino all’inizio dell’anno scolastico, un itinerario tematico conduce i bambini iscritti, di età compresa tra i 5 e i 13 anni, attraverso appassionanti attività di Sport,  Arte e Inglese. I laboratori sono condotti da educatori specializzati nelle tre discipline.

CERTIFICAZIONI CAMBRIDGE

Dal 2012 il nostro Istituto è accreditato dall’Università di Cambridge come Cambridge ESOL (English to Speakers of Other Languages) Preparation Centre per le certificazioni Young Learners English Test (YLE).

  • Agli alunni delle classi quarte viene proposta la certificazione “Starters”.
  • Agli alunni delle classi quinte viene proposta la certificazione “Movers”.

Tutti gli alunni vengono adeguatamente preparati a scuola in orario curricolare per sostenere gli esami. L’iscrizione all’esame è poi a libera scelta delle famiglie.

Ogni anno gli alunni della nostra scuola che hanno sostenuto gli esami si sono sempre distinti per gli ottimi risultati conseguiti nelle tre competenze valutate: “speaking”, “listening” e “reading and writing”.

DOCENTI DISCIPLINA
Giulia Balsamo Coordinatrice I A
Dora Salsano Coordinatrice I B
Sara Tacchi Coordinatrice II A
Sabina Tomassini Coordinatrice II B
Elisabetta Loi Coordinatrice III A
Laura Guglielmi Coordinatrice III B
Chiara Bellotti Coordinatrice IV A
Beatrice Scarpioni Coordinatrice IV B
Giorgia Salvato Coordinatrice V A
Federica Vecchietti Coordinatrice V B
Alessandra Bertoni Inglese (insegnamento II, III e V – conversazione I e IV)
Deborah Susan Waldron Inglese (insegnamento I e IV – conversazione II, III e V)
Mauro Meroni Musica, Teconologia e Informatica (II, III, IV, V)
Francesco Toniolo Motoria – Tecnologia e Informatica (I)
Raffaella Pozzi Religione (IA e III)
Isabella Malafronte Religione (II, IV, VB)
Rita Mapelli Coordinatrice delle attività educativo didattiche

2019/2020

La Proposta Pastorale Salesiana 2019 si intitola “Puoi essere santo… #lìdovesei”.

Nasce dalla Strenna del Rettor Maggiore “Perché la mia gioia sia in voi (Gv 15,11). La santità anche per te”, a  sua volta ispirata nel testo all’Esortazione Apostolica Gaudete et exsultate. In essa il Papa indica la santità come “autentica fioritura dell’umano” e come chiamata che il Signore rivolge a tutti: il riferimento biblico è quello delle Beatitudini dell’evangelista Matteo (Mt 5, 3-12).

Ecco la proposta educativa che, a tappe, proporremo in questo anno scolastico; cari genitori, troverete spunti anche per voi, così da poter camminare insieme verso la stessa meta: la felicità.

I nostri alunni sono sensibilizzati a cercare consapevolezza ed empatia verso chi si trova in situazioni di difficoltà e ad attivarsi con diverse iniziative di solidarietà per portare aiuti concreti a chi ne ha bisogno. Durante l’anno sono diverse le proposte concrete che coinvolgono tutte le classi:

  • Mese missionario. Nel mese di ottobre, una volta alla settimana, viene organizzata la “merenda missionaria”: i bambini non portano la propria merenda da casa, ma la ricevono a scuola, in cambio di un’offerta libera. La somma raccolta viene devoluta alle missioni diocesane.
  • Madia della fraternità. Nel mese di dicembre viene effettuata una raccolta di alcuni generi alimentari, in scatola o comunque non facilmente deperibili, che vengono consegnati alle due associazioni cittadine che, quotidianamente e per tutto l’anno, si dedicano ad aiutare le persone e le famiglie in condizione di povertà: l’associazione “Pane di S. Antonio” della Brunella e le Suore della Riparazione” di via Bernardino Luini. Per la consegna, alcuni ragazzi delle nostre superiori si offrono volontari per confezionare pacchetti che le associazioni daranno ad alcune famiglie di cui conoscono le esigenze.
  • Panino della solidarietà. Durante il tempo di quaresima, ogni venerdì i bambini non portano la propria merenda da casa, ma ricevono a scuola un semplice panino vuoto, in cambio di un’offerta. La somma raccolta viene devoluta ogni anno ad una diversa missione salesiana nel mondo, con attenzione alle zone in maggiore difficoltà (ad esempio: Haiti, Siria…)
  • Adozioni a distanza. Un’altra iniziativa ciclicamente riproposta è quella delle adozioni a distanza. Le ultime adozioni sono stati due bambini del Bangladesh.